Credono
nella nostra mission:



Storia del Nintendo Entertainment System

Il Nintendo Entertainment System (NES) è la console che ha risollevato il mercato dopo la crisi dei primi anni ‘80. A differenza dei giochi per home computer, molti dei quali funzionati tramite cassetta e con tempi di caricamento molti lunghi (anche venti minuti), i titoli del Nintendo sfruttavano le cartucce ed erano quindi immediati.

Questa tecnologia era già in utilizzata da altre piattaforme (ad esempio Atari VCS 2600) ma i giochi del NES rappresentarono un’evoluzione non solo in termini di grafica ma anche, e soprattutto, in termini di gameplay, rinnovato grazie all‘abbandono dei comuni joystick a favore di un nuovo sistema di controllo: il Joypad.

Masayuki Uemura

 


Nintendo FamicomIl Nintendo Entertainment System esordì (esclusivamente in Giappone) il 15 Luglio 1983 con un design (opera di Masayuki Uemura) e con un nome diverso da quello che tutti conosciamo: Famicom (abbreviazione di Family Computer)

 

 

.

A causa di alcuni chip difettosi, dopo alcuni mesi molte console furono ritirate dal mercato; reintrodotto in commercio con una nuova scheda madre, in poco tempo il Famicom divenne la console 8-bit più venduta in oriente.

Nintendo cercò allora un partner per commercializzare la console al di fuori del Giappone. Dopo alcuni contatti con Atari, purtroppo non andati a buon fine, la società decise di lanciare il NES in America in modo autonomo.

 

Nintendo Entertainment SystemHiroshi Yamauchi

 

Nel Giugno del 1985, Hiroshi Yamauchi, Presidente di Nintendo Japan, presentò di persona la console al CES (Consumer Electronics Show) di Chigago. Per renderla più attraente, la piattaforma venne mostrata con un nuovo look e un nuovo nome: Nintendo Entertainment System.

 

 

 

Shigeru MiyamotoNell’ Ottobre dello stesso anno il NES conquistò il mercato Americano grazie a titoli quali Excitebike, Duck Hunt e soprattutto Super Mario Bros, capolavoro del game-designer Shigeru Myamoto.

Il successo del Nintendo Entertainment System fu merito anche della decisione di affidare lo sviluppo di alcuni giochi a “terze parti” (società produttrici di software esterne a Nintendo) così da aumentare notevolmente il parco titoli disponibile.

Le prime indiscrezioni di un possibile arrivo sul suolo europeo comparvero sulla rivista “Computer & Videogames” nel Dicembre 1986, ma per il lancio effettivo bisogna però attendere la primavera dell’87.

Nintendo Control Deck
In Italia la console venne distribuita da Mattel la quale purtroppo impose un prezzo piuttosto elevato. Il ritardo rispetto alla commercializzazione in Giappone e Stati Uniti portò a un’accesa rivalità con la piattaforma Sega Master System, ma nonostante tutto il Nintendo 8-bit ottenne un grande riscontro anche nel nostro paese, merito non solo della campagna pubblicitaria con testimonial Lorenzo Cherubini (alias Jovanotti), ma anche della grande qualità offerta dai giochi.

 

NES-101

Nel 1993, in esclusiva per il mercato americano, viene commercializzato il NES-101 (o NES 2), una versione con lo stesso hardware della console originale e con un design più compatto.

 

 

Titoli come The Legend of Zelda, Super Mario Bros. 3, Metroid, Kid Icarus e Castlevania, sono solo alcuni dei tanti videogames che hanno permesso al Nintendo Entertainment System di arrivare (fino al 1995) a vendere 62 milioni di unità.

 

Super Mario Bros.Super Mario Bros.3The Legend of ZeldaMetroidJovanotti testimonial di Nintendo