Credono
nella nostra mission:

Ginga Nynkyouden

Negli anni '80 i videogiochi erano considerati un hobby di nicchia, il concetto di casual gamer era sconosciuto e quando un ragazzino entrava in una delle tante sale giochi italiane veniva guardato con sospetto da chi aveva eletto quel luogo come proprio quartier generale.
Solitamente nella parte centrale delle sele giochi venivano posizionati i cabinati più in voga all'epoca (Out-Run, Paperboy, Bubble-Bobble ecc.) mentre nell'angolo più buio e polveroso, venivano messi quei giochi, molto spesso giapponesi, che erano considerati dei riempi-sala, ma che poi (facendoci una partita nell'attesa che i titoli più blasonati si liberassero) risultavano essere delle chicche in grando di entrare nel cuore. Questo è quello che poteva succedere con Ginga Ninkyouden, un giochino (come si usava dire ai tempi) molto particolare pubblicato da Jaleco nel 1987.

BUONI CONTRO CATTIVI
In questo bizzarro gioco, uscito solo per il mercato arcade, controlleremo il classico eroe a cui il malvagio di turno (un mostro spaziale) ha rapito, per qualche oscuro motivo, la ragazza e deve farsi largo attraverso otto livelli che propongono sezioni platform e shooting.

THE ENCYCLOPEDIA OF JAPANESE POP CULTURE
I punti forti di Ginga Ninkyouden comprendono sia le ambientazioni che i mostri da sconfiggere:  tra le fila dei nemici e nei livelli sono presenti continui rimandi alla cultura pop nipponica e non solo.
Per fare alcuni esempi: nel primo stage ci ritroveremo davanti all'entrata della Maison Ikkoku e per poter entrare dovremo sconfiggere Rambo; durante il terzo livello passeremo davanti ad alcune bancarelle gestite dal capitano Okita della Yamato, da Kamen Rider o ancora da uno xenomorfo.
Tra i nemici invece incontreremo, oltre a Rambo, gli Zach, Jigen, Kenshiro e molti altri.

VARIETA' IN CODICE BINARIO
Per rendere il gioco più vario i  ragazzi di Jaleco hanno inserito al suo interno delle fasi shooting all'interno delle quali il protagonista a cavallo di una tartaruga robot deve sparare alle numerose astronavi aliene.

TOUGH BOY
Ginga Ninkyouden è un videogame tosto: impiegheremo molto tempo prima di riuscire a portarlo a termine. I nemici sbucano incessantemente da ogni angolo cercando di colpirci con ogni tipo di arma a loro disposizione, fattore che rende il livello di sfida davvero molto alto.
Fortunatamente (per darci una tregua) dopo un certo numero di nemici abbattuti viene rilasciata una pozione capace di renderci invincibili per un po' di tempo, dandoci modo di sparare delle onde energetiche per abbattere gli avversari a distanza.

Ginga Ninkyouden, oltre come videogame, può essere considerato anche un' enciclopedia dell'immaginario pop degli anni '80. 
La grafica è fumettosa e molto colorata ed anche le musiche sono in linea con l'atmosfera generale. Il punto a sfavore è la difficoltà: questo titolo richiede impegno, costanza e dedizione per essere portato a compimento, ma se si riesce nell'impresa ci si sentirà orgogliosi per aver portato a termine una sfida davvero difficile.

Share |

di Pierluigi Bellini

Ginga Nynkyouden Ginga Nynkyouden

Gameplay Ginga Nynkyouden

I primi livelli di Ginga Nynkyouden

GameSearch.it per i genitori

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.