Credono
nella nostra mission:

Gun Fight

Torniamo nel 1975, periodo in cui il pubblico era alle prime armi con i videogiochi. Sulla scia del filone cinematografico “spaghetti-wester” che in quegli anni stava però iniziando a tramontare, da Midway arriva Gun Fight, uno dei primissimi videogame a permetterci di impersonare degli autentici cowboy.

NON SOLO PONG
L’uomo dietro Gun Fight è David Nutting, esperto di informatica incaricato da Midway di adattare Western Gun (analogo arcade pubblicato sempre nel ’75 da Taito e sviluppato da Tomohiro Nishikado, futuro autore di Space Invaders) al mercato occidentale.
Giocando al titolo in esame è impossibile non notare alcune analogie con Pong, l’arcade che ha definitivamente fatto decollare l’industria videoludica.
La visuale è pressoché la stessa: sul lato destro e su quello sinistro dello schermo vediamo due pistoleri che si fronteggiano, comandati esclusivamente da giocatori umani (Gun Fight prevede solo la modalità player vs. player).
Ciascuno di essi ha a disposizione sei pallottole con le quali cercare di colpire l’avversario entro un preciso tempo limite; la traiettoria può essere cambiata modificando l’inclinazione del braccio e, come in Pong, i colpi possono rimbalzare sul lato inferiore e superiore dello schermo.
Le meccaniche sono dunque molto semplici, ma anche se in modo un po’ spartano, la sensazione di prendere parte ad una sparatoria è ben ricreata, merito anche di una serie di ostacoli/ripari (come cactus, alberi e carovane) che aggiungono un pizzico di strategia.

UN SUCCESSO CHE CONTINUA A CASA

Considerando le capacità tecniche dell’epoca che permettevano di sfruttare pochi pixel e una manciata di colori, Gun Fight propone sprite di dimensioni generose e anche ben realizzati. Il successo ha portato ad una conversione prima per Astrocade (console dalle ottime prestazioni ma poco diffusa), poi per Atari (VCS 2600 e gli home computer della gamma a 8-bit) con il nome di Outlaw.

Anche se è evidente quanto Gun Fight abbia preso spunto da Pong, è impossibile non notare quanto la formula di base sia stata ottimamente modificata riuscendo a ricreare una buona atmosfera western con la scarsa tecnologia disponibile all’epoca.

Share |

di Emanuele Cabrini

Il cabinato di Gun Fight

Un coin-op di Gun Fight ancora funzionante.

L'uomo dietro al videogame

Gun Fight

David Judd Nutting  (a sinistra nella foto) è l'ingegnere fondatore nel 1970 della Dave Nutting Associates, azienda specializzata nella produzione di giochi elettronici su commissione. Per quanto riguarda Gun Fight, il gioco è una trasposizione realizzata da David Nutting per il mercato occidentale di Western Gun, videogame distribuito in Giappone da Taito e creato da Tomohiro Nishikado (a destra nella foto), creatore del classico Space Invaders.

Medaglie

Videogame Correlati

GameSearch.it per i genitori

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.