Credono
nella nostra mission:

Resident Evil: Underworld

Autore: S.D. Perry
Edito in Italia da: Multiplayer.it Edizioni
Genere: romanzo
Argomento: Horror/azione
Pagine: 248

Al secondo romanzo originale basato sull'universo Capcom, S.D. Perry compie un passo falso. Invece di sfruttare l'occasione per creare qualcosa di complementare al videogame, l'autrice si limita a ripetere il canovaccio di Caliban Cove con una trama lineare e talvolta risibile.
Mentre Jill, Chris e Barry sono impegnati in Europa, il team Exeter capitanato da David Trapp (a cui si aggiungono Claire e Leon) riceve una nuova dritta da parte del misterioso Trent: incastrare la Umbrella recuperando un libro con i codici segreti nell'ennesimo laboratorio sotterraneo, sito questa volta in Utah.

La vicenda parte col piede giusto lasciando spazio a un buon grado di suspence.
La squadra deve infatti infiltrarsi furtivamente nel laboratorio, rubare il libro e filarsela senza destare sospetti. Il fatto che non vi siano infestazioni di non-morti è una novità per la serie che lascia ben sperare. Ma quando il team si divide finendo nella trappola orchestrata da Mister Blu - ovvero Reston, il pezzo grosso a capo del laboratorio - inizia un irreversibile calo di tono che banalizza all'inverosimile la trama.
Pur non essendo tratto da alcun videogioco, Underworld è infatti più "videogame" dei predecessori.
Ci sono stanze chiuse da superare con tanto di boss mutanti al limite dell'accettabilità, fra cui scorpioni giganti e stambecchi che sputano acido. Il tutto orchestrato da un poco credibile Mister Blu che soffre di isteria e di crisi di persecuzione. 

I romanzi di Resident Evil sono sempre stati delle letture leggere ma incalzanti e godibili. Per la prima volta abbiamo a che fare con un romanzo che rischia di annoiare non tanto per l'assenza di azione - che è sempre presente in dosi massicce - ma per l'incapacità di interessare e stimolare il lettore a lungo termine.
Si salva solo il finale, dove l'autrice spende una manciata di pagine per rivelare finalmente la figura enigmatica di Trent, dando senso alle sue azioni nei libri precedenti.
Ma tutto il resto lascia parecchio a desiderare.


Share |

di Raffaele Cinquegrana

Nota sull'autore

Resident Evil: Underworld

Stephani Danielle Perry, nata il 14 Marzo 1970, è una scrittrice americana di romanzi di fantascienza basati su franchise di fama mondiale.
Oltre alle opere dedicate a Resident Evil, S.D. Perry è autrice di diversi libri ispirati alle serie di Aliens, Predator e Star Trek.

Medaglie

GameSearch.it per i genitori

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.