Credono
nella nostra mission:

Phoenix Wright: Ace Attorney Justice For All

Phoenix Wright: Ace Attorney Justice for All, secondo episodio della oramai famosa serie nata su Game Boy Advance, tratta le avventure del giovane avvocato Phoenix Wright, alle prese con i casi più disparati congegnati da Capcom.
Nel primo caso “Tutorial” ritroveremo il nostro amico Phoenix, vittima di una temporanea amnesia, aiutato dalla sempre fidata Maya Fey e dall’imbranato Detective Gumshoe.


FORMULA COLLAUDATA NON SI CAMBIA
Ancora una volta il gioco consiste nello smascherare i testimoni che ovviamente si riveleranno essere i veri criminali.
Anche se noi giocatori saremo subito informati sulla vera identità dell’assassino, una trama intrigante e ricca di colpi di scena ci terrà incollati ai piccoli schermi del nostro Nintendo DS.
Inoltre il nuovo Procuratore Franziska Von Karma vi “frusterà per bene” (letteralmente, dato che si presenta in aula con una frusta in mano) e non farà rimpiangere più di tanto il caro vecchio Miles Edgeworth.
Rispettando la stessa formula dell’episodio precedente, il gioco si divide in due attività: la raccolta di informazioni nei dintorni della scena del delitto e, ovviamente, lo scontro con l’Accusa all’interno del Tribunale
Anche il sistema di controllo è rimasto invariato: nello schermo superiore troveremo la narrazione mentre “toccando” quello inferiore potremo far proseguire i dialoghi, controllare il registro processuale (che racchiude i dati delle persone indiziate, le prove e tutti i corpi del reato) oppure gridare “Un attimo” (si può gridare anche nel microfono della nostra console) per analizzare in dettaglio le frasi dei testimoni in modo da presentare delle prove che mettano in luce i loro “errori”.
Per placare la nostra sete di obiezioni anche questa volta avremo un limite di cinque errori, oltrepassato il quale perderemo il caso.
Il tratto Manga rimane inalterato rispetto al precedente capitolo, con schermate fisse e poche animazioni che si focalizzano sulle espressioni e sulla mimica corporale dei personaggi, in modo da caratterizzarli e renderli sempre sopra le righe, con picchi di umorismo caricaturale che ci faranno sorridere più di una volta.
L’audio è come sempre ottimo, impreziosito da motivetti che riprendono quelli del primo Phoenix Wright e con l’ovvia aggiunta di nuove musiche che rimarranno a lungo impresse nella nostra memoria.
 
NUOVE AGGIUNTE
Ace Attorney Justice for All vede l’introduzione di un fattore che complicherà le nostre indagini: i Lucchetti Psichici, dei blocchi mentali che le persone utilizzeranno per impedirci di scoprire le informazioni necessarie a salvare il nostro assistito. Ovviamente toccherà a noi eliminare tali barriere e scoprire cosa impedisce alla gente di parlare di questi argomenti.

Phoenix Wright: Ace Attorney Justice for All non è da meno del suo amato precedente;  tuttavia manca però un “caso” studiato appositamente per questa nuova versione Nintendo DS (infatti è totalmente uguale alla sua controparte Game Boy Advance, composta da quattro casi) cosa che non lo eleva, come giudizio, sopra l’ottimo Phoenix Wright: Ace Attorney.

Share |

di Mirko Di Pasquale

Phoenix Wright: Ace Attorney Justice For All Phoenix Wright: Ace Attorney Justice For All Phoenix Wright: Ace Attorney Justice For All Phoenix Wright: Ace Attorney Justice For All

Vuoi promuovere il tuo canale You Tube?

Video-commenta la nostra recensione e segnalaci il tuo filmato!

GameSearch.it per i genitori

PEGI 12 PEGI Violenza - Gioco che contiene scene di violenza

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.