Credono
nella nostra mission:

The Legend of Zelda: Skyward Sword

Il primo capitolo della serie The Legend of Zelda sviluppato esclusivamente per il Nintendo Wii ha avuto un lungo periodo di sviluppo che ha fatto attendere i numerosi appassionati. Dopo un videogioco come The Legend of Zelda: Twilight Princess, creato appositamente per venire incontro al volere dei fan (con risultati non pienamente soddisfacenti soprattutto nella sua conversione per Nintendo Wii) Nintendo si impegna a creare un videogioco che non sfigura in un confronto diretto con i titoli per le console HD e che mostra la tanto attesa rivoluzione del sistema di controllo.
Così è nato The Legend of Zelda: Skyward Sword, il “capostipite cronologico” della serie.

UN’ANTICA VERITA’ (Tratto dall’introduzione del gioco)
Questo è un racconto tramandato da voi umani da infinite generazioni…
Narra di una lotta terribile, di violenza inaudita e senza precedenti…
Da uno squarcio creatosi all’improvviso, sulla Terra apparvero degli esseri oscuri…
…che cancellarono il sorriso dal volto degli abitanti della Terra.
Presero a distruggere le foreste, a prosciugare le sorgenti e a uccidere gli uomini.
Ambivano a ciò che lei, la Dea, custodiva: il potere universale…
Il potere universale…
…il patrimonio lasciato dagli dei che tutto possono…
…l’estremo potere che la Dea ereditò dalle entità ancestrali.
Con l’intento di proteggere il potere universale dagli esseri oscuri…
la Dea, dopo aver radunato sulla Terra tutti gli umani sopravvissuti, la elevò a fluttuare nel cielo…
…in un luogo in cui non potesse essere raggiunta dal male…in remoti spazi celesti, oltre un letto di cirri.
Quindi la Dea e i suoi seguaci, rischiando la loro stessa vita, imprigionarono gli esseri oscuri.
E sulla Terra tornò a regnare la pace…

LA SALVEZZA DI ZELDA
Link è un giovane aspirante membro dell’Ordine dei Cavalieri di Oltrenuvola (il mondo elevato nei cieli dalla Dea), studente di una scuola in cui si insegna a difendere la città solcando i cieli con la propria cavalcatura alata.
Nel giorno del suo esame finale, mentre un incubo imperversa nella sua mente, viene svegliato da un grido stridulo.
E’ la cavalcatura pennuta di Zelda, sua amica di infanzia e figlia del direttore della scuola, che gli consegna una lettera molto importante nella quale viene invitato a recarsi presso la statua della Dea.
Qui Link incontra Zelda in persona che lo aiuta a ripassare le regole fondamentali per un Cavaliere. Ma un’oscura figura emerge dalle profondità della terra…
Questo è solo l’inizio dell’incredibile avventura che porterà alla scomparsa di Zelda, agli scontri con un malvagio mago e il suo signore fino alla nascita di un Eroe.

OLTRENUVOLA E LA TERRA
Iniziando The Legend of Zelda: Skyward Sword ci sveglieremo su un’isolotto fluttuante tra le nuvole chiamato Oltrenuvola. Questo blocco di terra presenta tutti gli elementi tipici di un villaggio: dalla scuola dei Cavalieri al bazar ricco di bancarelle, dal tempio della Dea alla palestra nella quale protremo allenarci con la spada, e infine le case della popolazione.
Oltrenuvola è un paese vivo, in cui i cittadini hanno precisi ruoli e abitudini che variano con il passaggio tra il giorno e la notte.
L’isola fungerà da ritrovo centrale dal quale partiremo verso l’esplorazione delle macro-zone del mondo che scopriremo sotto la coltre di nubi, o verso micro-isolotti che si trovano sospesi nel cielo. Questi ultimi si suddividono tra minuscoli agglomerati di terra che nascondono dei tesori oppure dei luoghi di ritrovo dove potremo incontrare altre persone con cui dialogare (alcune cercheranno il nostro aiuto per risolvere i loro piccoli/grandi problemi quotidiani).
Le macro-zone della terra al di sotto del manto di nubi si presentano come dei piccoli mondi a se stanti, suddivisi per tematica (vulcano,  foresta, deserto), con una struttura simile a degli enormi enigmi ambientali, il preambolo delle vere sfide per Link: i dungeon.

SCENDERE IN UN DUNGEON
Come da tradizione i dungeon brillano sia per varietà di situazioni da districare che per design, sempre originale e coerente.
Addentrarsi nelle profondità di un covo nemico (come nel primissimo The Legend of Zelda, con tanto di primo piano sullo sguardo deciso di Link) richiederà un attento studio delle dinamiche ambientali e dei comportamenti dei mostri, mettendo alla prova il nostro intelletto e i nostri riflessi.
La varietà di situazioni che ci si parerà davanti, contrariamente ai classici dungeon della serie, ci obbligherà spesso e volentieri a dover cambiare repentinamente gli oggetti secondari equipaggiati, quali pozioni o scudi, che in Skyward Sword sono limitati dal numero di borse in nostro possesso.
Grande novità nella serie è l’introduzione dei negozi specializzati nel bazar su Oltrenuvola nei quali potremo potenziare, grazie a particolari insetti e materiali da recuperare in giro per il mondo, gli oggetti in nostro possesso, o riparare lo scudo che presenta una sua apposita barra di resistenza.
Anche le armi aggiuntiv, che riprendono grandi classici quali l’arco, la fionda o la giara magica (introducendo sempre qualche novità), sono molto più integrate col gli enigmi presenti nei dungeon.
Un particolare plauso va al Maggiolino Volante, un nuovo strumento che può librarsi come un aereoplanino di carta e infilarsi in fessure strette per recuperare oggetti nascosti o far scattare meccanismo.

ARMIAMOCI DI SPADA E SCUDO

Con The Legend of Zelda: Skyward Sword la tanto attesa rivoluzione dei controlli si è avverata, proponendoci una spada che si mostra come vera e propria estensione del nostro braccio.
Sfruttanto i giroscopi del controller con Wii Motion Plus integrato, Nintendo è riuscita a riprodurre fedelmente ogni movimento e ogni rotazione, influenzando i fendenti e gli affondi del nostro Link.
Questo sistema evita il fastidioso “scuotimento insensato” tipico del precendente The Legend of Zelda: Twilight Princess, evolvendo  il gameplay classico della serie.
D’ora in avanti ogni singolo combattimento si trasformerà un una danza nella quale il giocatore dovrà osservare e carpire la routine di difesa del nemico, per scoprire in che punto sferrare il proprio attacco sfruttando l’inclinazione adeguata della spada.
Grande importanza viene riservata anche allo scudo che viene utilizzato per sbilanciare il nemico con un rapido spintone (spingendo in avanti il nunchuck nell’esatto momento che l’avversario porta un attacco); esso svolge anche una funzione tattica grazie alle sue diverse versioni con resistenze elementali (fuoco, corrente e altro ancora).

UNA COMPAGNA LEGGENDARIA

Ma chi sarà la nostra fida compagna di avventure? Se Ocarina of Time e Majora’s Mask ci avevano abituati ad avere una fata al nostro fianco, in Skyward Sword questa preziosa funzione viene svolta dalla più inaspettabile delle compagne: la Spada Suprema.
Infatti lo spirito della Spada Suprema, Faith, si incarna in un essere metallico dalle fattezze umane, che ci accompagna in tutta l’avventura prodigandosi nel rilasciare preziosi consigli nei momenti più duri.
Faith si presenta come un personaggio cardine, essendo narratore e co-primario allo stesso tempo. La sua voce metallica rispecchia la verità inconfutabile “forgiata” delle prove vissute in prima persona da Link, mentre il suo aspetto sinuoso, leggiadro e solenne contribuisce a costruire l’alone di sacralità e potenza divina che essa rappresenta.

LA FORMA DELL’ARTE

Sin dalla sua nascita il Nintendo Wii ha portato con sè le accuse di molti videogiocatori che, con cognizione di causa, hanno puntato il dito sulle limitate capacità tecniche della console ( a loro dire avrebbero limitato e inificiato lo sviluppo di un giochi monumentali come The Legend of Zelda: Skyward Sword.).
Ma seguendo la famosa “Nintendo Difference” coniata da Shigeru Miyamoto, questo videogioco sbaraglia le accuse proponendoci uno stile visivo che non ha niente da invidiare alle più blasonate produzioni per console HD.
Miyamoto prende ispirazione dalla corrente artistica “Impressionista” (più precisamente da uno dei suoi maggiori esponenti, Paul Cèzanne) creando un filtro visivo che abbandona il realismo per dare spazio ad un incredibile quadro animato con vari livelli di profondità.
Le scenografie e i personaggi si trasformeranno in una serie di “macchie di colore” che via via diverranno elementi definiti in prossimità di Link.
Con The Legend of Zelda: Skyward Sword termini come “numero di poligoni”, “texture” e “HD” perdono completamente significato di fronte ai risultati di un buon team di lavoro coordinato da una grande capacità creativa.

Per il 25° anniversario della serie The Legend of Zelda non potevamo che aspettarci un titolo da annoverare tra i migliori della serie. Miyamoto ci regala un videogioco innovativo e coinvolgente, ricco di stile e fascino, con il valore aggiunto di dipanare le antiche nubi dalle tanto chiaccherate origini della Leggenda di Zelda e della sua Time-line.
Un titolo che riesce ad estinguere i pregiudizi, facendo impallidire i pochi difetti, tra cui la linearità dell’esplorazione e il limitato numero della aree accessibili (anche se “mutevoli” nel tempo).
Più che “il canto del cigno” della console Nintendo Wii potremo definirlo “il grido della fenice” (o del nostro Solcanubi) che rinasce dalle sue ceneri per mostrarsi più brillante che mai.
Nel 25° anniversario Nintendo riserva a The Legend of Zelda il trattamento del figlio prediletto, quello in cui riponiamo i nostri sogni, donando ai collezionisti un’Edizione Limitata contenente un controller dorato come le prime cartucce per Nintendo 8 bit e un CD con le musiche storiche riarrangiate dalla Nintendo Orchestra.

Share |

di Mirko Di Pasquale

The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword The Legend of Zelda: Skyward Sword

GameSearch.it per i genitori

PEGI 12 PEGI Violenza - Gioco che contiene scene di violenza

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.