Credono
nella nostra mission:

Pac-Man

Medaglia Consigliato da GameSearch.it Medaglia Valore storico

La storia dei videogiochi è piena di esempi di idee accattivanti nate da situazioni riconducibili alla vita quotidiana. E’ il caso del programmatore Toru Iwatani che (almeno secondo la leggenda) è stato ispirato da una pizza (con una fetta mancante) per dar vita a una delle icone più celebri al mondo: Pac-Man.

MANGIA CHE TI PASSA
Pac-Man non è altro che una sfera ingorda che ha solo due cose di cui preoccuparsi: spalancare continuamente le fauci per ingurgitare pixel e scappare da quattro fantasmi (al secolo Blinky, Pinky, Inky e Clyde).
Nel 1980 tanto bastava a conquistare intere masse di appassionati di videogame che si riversavano nelle sale giochi con l’obiettivo di migliorare il proprio punteggio. Come altre opere famose (ad esempio Pong o Space Invaders) Pac-Man è stato un trascinatore, un titolo diventato simbolo di un’intera decade, capace di divertire e di lanciare mode.

BRAINLESS E’ MEGLIO

A parte il tempismo richiesto per svoltare il nostro giallo alter-ego senza incastrarsi negli angoli (perdendo pochi ma preziosissimi istanti), il gameplay di Pac-Man sapeva conquistare sia il giocatore occasionale, sia quello più esperto: i quattro power-up che permettevano di diventare da preda a cacciatore (per pochi secondi) erano comunque una garanzia per chi si accontentava di completare anche solo un paio di scenari, mentre i più smaliziati e navigati player riuscivano a capire che i fantasmini si muovevano secondo percorsi prestabiliti.
Padroneggiare questi “binari di movimento” dava modo di vantarsi con gli amici raggiungendo i livelli più avanzati ma perdendo una parte del divertimento. Infatti Pac-Man offre il meglio se giocato senza seguire degli schemi, lasciando da parte lo sforzo mnemonico per dare libero sfogo alla prontezza di riflessi.

Come tutti gli evergreen videoludici anche Pac-Man è stato convertito per numerosi sistemi casalinghi, inserito in diverse antologie e riproposto con aggiunte più o meno discutibili. Questo titolo è la testimonianza di quanto sia brillante la mente umana: basta pensare che avevamo iniziato l’articolo parlando di una pizza…

Share |

di Emanuele Cabrini

Uno sguardo al cabinato originale

La colonna sonora del filmato è "Pac-Man Fever"

L'uomo dietro al videogame

Pac-Man

Toru Iwatani, nato a Tokyo nel 1955, inizia a lavorare nel mondo dei videogame verso la fine degli anni '70. Dal 2007 si dedica a tempo pieno alla carriera di professore presso la Tokyo Polytechnic University.

Medaglie

Medaglia Consigliato da GameSearch.it

Consigliato da GameSearch.it

Medaglia Valore storico

Valore storico

Un altro classico diventato un'icona mondiale. Nel 2008 Pac-Man è stato inserito nel Guinnes World Records:Gamer's Edition alla voce "videogame da bar più diffuso" (più di 290.000 cabinati installati).

GameSearch.it per i genitori

PEGI 3

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.