Credono
nella nostra mission:

Uncharted 2: il Covo dei Ladri

Uscito nell’ottobre 2009 in esclusiva per Playstation 3, Uncharted 2: Il covo dei ladri è il seguito di Uncharted: Drake's Fortune, titolo che un paio di anni prima aveva avuto un buon successo di pubblico e di critica mescolando sapientemente l’esplorazione avventurosa ed esotica alla Tomb Raider e lo stile di combattimento frenetico “spara e riparati” alla Gears of War.
Il personaggio di Nathan  Drake non avrà il fascino di Lara Croft, ma ha un carisma e un senso dell’ironia difficilmente riscontrabili in altri protagonisti; i ragazzi di Naughty Dog hanno puntato molto, in entrambi gli episodi, su questo aspetto: basti pensare alla cura  di regia con cui sono realizzati i filmati in “motion capture” (veri e propri intermezzi quasi cinematografici della durata complessiva di circa novanta minuti!), oppure alla serie di dialoghi divertenti che Nathan intrattiene con i personaggi che incontra e lo accompagnano nel corso della sua ricerca.

Se in Uncharted: Drake's Fortune il nostro avventuriero era sulle tracce di un suo antenato(l’esploratore inglese Francis Drake) e della favolosa città d’oro, questa volta Nathan si mette a seguire la scia di Marco Polo (per scoprire nuove verità sul suo viaggio di ritorno dall’Oriente a Venezia e sulla sua flotta perduta), accompagnato dalla bellissima Chloe e dalla sua vecchia conoscenza Elena. 

Dal punto di vista del gameplay non vi sono evidenti cambianti nel secondo episodio rispetto al primo.
La cura con cui sono state realizzate le locations di gioco è maniacale, così come assolutamente realistici sono gli effetti di luce, le animazioni dell’ambiente, i colori suggestivi e gli eventi atmosferici. Gli sviluppatori, in questo secondo episodio, hanno utilizzato il Naughty Dog Engine 2.0, un motore grafico più evoluto rispetto a quello di Drake’s Fortune.
Da un museo di Instambul, in cui ci intrufoleremo di notte (rispetto al primo episodio vi è una maggiore componente stealth, in cui dovremo assalire i nemici alle spalle senza far rumore), alla giungla del Borneo, da una città in Nepal devastata dalla guerra civile alle vette innevate del Tibet, la lunga avventura di Nathan alterna momenti di esplorazione e risoluzione di semplici enigmi, a vivaci sparatorie con schiere di nemici armati, in cui dovremo sfruttare i ripari offerti dell’ambiente.

Pur non offrendo nulla di particolarmente originale, Uncharted 2 è un gioco che diverte e appassiona, offrendo azione a ritmo frenetico con una grande giocabilità e capacità di coinvolgere.
Il nostro alter ego scala pareti rocciose, salta da un palazzo all’altro inseguito da decine di nemici armati, ingaggia un combattimento contro un elicottero sul tetto di un treno mentre nevica, il tutto con una fluidità di movimento impressionante, senza alcun calo di frame rate: Uncharted 2 è, dal punto di vista della realizzazione tecnica, uno dei migliori titoli presenti non solo in casa Sony, ma in generale tra questa prima generazione di console HD.
Presenti anche, a differenza del primo episodio, il multiplayer online e la modalità cooperativa per un massimo di tre persone.

Share |

di Francesco Di Jorio

Uncharted 2: il Covo dei Ladri Uncharted 2: il Covo dei Ladri

GameSearch.it per i genitori

PEGI 16 PEGI Online Game PEGI Violenza - Gioco che contiene scene di violenza

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.