Credono
nella nostra mission:

Fez

La Polytron Corporation è una casa di sviluppo indipendente che ha fatto la sua comparsa sul palcoscenico dei videogiochi con il lancio di FEZ. Tra l'Aprile e il Settembre 2013 il loro titolo è sbarcato su XBLA, Microsoft Windows, Linux, OSX e PSN, e in breve tempo ha avuto un riscontro più che positivo.

QUESTIONE DI PROSPETTIVA
Un bel giorno, Gomez, un bimbo che vive in un tranquillo villaggio in 2D, si sveglia ignaro che la sua vita, e quella di tutte le persone che vivono attorno a lui, sta per cambiare definitivamente.
Gomez, che ha sempre vissuto nella credenza che esistesse solamente una prospettiva, riceve in dono, da un enorme cubo dorato, un FEZ, ovvero un copricapo tipico dell'area Nord Africana.
Grazie a questo presente, il nostro protagonista “scopre” la terza dimensione e si getta a capofitto nell'esplorazione degli angoli, fin'ora celati, del mondo da lui conosciuto.

IN CERCA DI CUBI
Il gameplay di FEZ è molto semplice: ci troviamo dinnanzi ad un platform classico, in cui si hanno a disposizione tre azioni: saltare, tirare e spingere. Quello che rende il tutto avvincente è il fatto di poter interagire con l'ambiente e ruotare letteralmente la prospettiva di ogni singolo livello, come se si trattasse di un cubo, così da riuscire a raggiungere zone che non sarebbero accessibili altrimenti.
Si intuisce fin da subito che, così facendo, si creano molteplici possibilità per il nostro eroe, che dovrà esplorare ogni singolo angolo (è il caso proprio di dirlo) per recuperare tutti i pezzettini di cubo dorato nei quali si è diviso il misterioso esaedro che in principio ha dato il via a tutto.
In questa complessità di poligoni non mancheranno dei tratti puzzle-game in cui non basterà visualizzare il proprio obiettivo, ma sarà necessario usare il pensiero laterale per essere in grado di trovare la strada adatta.
Il tutto arricchito da molti segreti, zone nascoste (non indispensabili per terminare il gioco) da considerare come dei preziosismi che fanno gola ai giocatori fanatici del perfezionismo.

8 BIT INTORNO A NOI
La grafica in 8 bit non penalizza, anzi, rende l'esperienza ancor più fruibile, proprio per la natura cubica del gioco. Essenziale, pragmatica e funzionale, riporta il videogiocatore indietro nel tempo, in linea con le esigenze dei più nostalgici.
Magistrale la colonna sonora: musica 8 bit anch’essa, composta dal musicista indipendente Rich Vreeland, conosciuto anche come Disasterpeace, rende l’atmosfera leggera, ma al tempo stesso capace di sottolineare i passaggi significativi ed enfatizzare le situazioni in cui è necessario utilizzare maggiormente il cervello, per venire a capo dei puzzle.

In definitiva, FEZ premia chi sa guardare con gli occhi della mente. Sebbene non sia un titolo lunghissimo, richiede, però, uno sforzo non indifferente per completare al meglio l’esperienza.
Amabile per gli appassionati di platform old school, rappresenta una sfida all’altezza anche dei videogiocatori più ferrati, per chi non si accontenta di finire in fretta un gioco.

Share |

di Giuseppe Giglio

Fez Fez Fez Fez

Vuoi farci sapere il tuo parere?

Segnalaci il tuo filmato!

GameSearch.it per i genitori

PEGI 3

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.