Credono
nella nostra mission:

Mortal Kombat: Legacy II

Considerato il successo della prima stagione, Warner Bros non deve averci pensato due volte a dare vita al seguito di Mortal Kombat: Legacy che viene annunciato nel Luglio 2012, debuttando poi nel Febbraio 2013 con un trailer che su You tube ha raggiunto più di 2 milioni di visualizzazioni in un solo giorno.
Tutti gli episodi della seconda serie sono visibili gratuitamente sul canale You Tube di Machinima.

Nella prima stagione le rivisitazioni dei background storici dei protagonisti del videogioco (alcune piuttosto significative come ad esempio nel caso di Raiden) a quanto pare non hanno scandalizzato gli appassionati di Mortal Kombat, che invece si sono lamentati per la scarsa presenza di combattimenti. Preso nota delle considerazioni dei fan, questa volta il regista Kevin Tancharoen decide di accontentare tutti dando spazio a battaglie condite da mosse speciali rese ancora più accattivanti da ottimi effetti speciali.
Ma in MK: Legacy II (composta da 10 episodi) assistiamo ugualmente ad altri stravolgimenti  narrativi che questa volta calcano un po’ troppo la mano: tra essi spicca quello di Liu Kang, uno dei personaggi chiave dell'universo Mortal Kombat che da valoroso guerriero shaolin diventa uno squattrinato ubriacone dal passato avverso.
Rispetto alla prima stagione alcuni episodi ci sono sembrati meno avvincenti e decisamente corti: togliendo introduzione e titoli di coda in certi casi restano da vedere soltanto 4 o 5 minuti di filmato.
Il torneo è ambientato su un' isola nel quale però non sono state ricreate le ambientazioni evocative che avevano affascinato nel videogioco; considerato che la prima stagione ci aveva colpito per l'attenzione riposta nella cura dei dettagli (realizzazione dei costumi  e delle scenografie) ci saremmo aspettati qualcosa di più.
Insolito anche lo stravolgimento totale del cast di attori: in Mortal Kombat Legacy II soltanto gli interpreti di Scorpion e Kitana sono gli stessi che abbiamo visto nella prima stagione. Inutile dire che questo infonde, sopratutto all'inizio, una strana sensazione nello spettatore; l'arrivo di alcune star come Cary-Hiroyuki Tagawa (che torna a vestire i panni di Shang Tsung dopo averli indossati nel film del 1995) risulta una trovata simpatica ma non indispensabile.

Mortal Kombat Legacy II riesce comunque a coinvolgere l'appassionato del videogioco, anche se la prima stagione ci era sembrata avere una marcia in più.  Nel 2013 sembrava confermato l'arrivo di una terza stagione, ma a quasi un anno di distanza si susseguono solo una serie di indiscrezioni e voci di corridoio.


Share |

di Emanuele Cabrini

Trailer di Mortal Kombat: Legacy II

Guarda l'intera stagione sul canale You Tube di Machinima.

Nota sul regista

Mortal Kombat: Legacy II

Kevin Tancharoen nasce nel 1984 a Los Angeles. Prima di dedicarsi alla regia ha collaborato come ballerino e coreografo con alcune delle più celebri star della musica pop di fine anni '90, inizio XXI° secolo, tra cui Madonna e Britney Spears.

Medaglie

GameSearch.it per i genitori

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.