Credono
nella nostra mission:

Deus Ex: Human Revolution

Medaglia Consigliato da GameSearch.it Medaglia Pensatore

Uno dei titoli più attesi del 2011 è stato Deus Ex: Human Revolution, pubblicato su PC, PlayStation 3 e Xbox 360 (versione provata).  Si tratta del terzo videogioco di una serie che fin dall’esordio ha ricevuto ottimi consensi da critica e pubblico per il suo cocktail di elementi ruolistici e action mescolati con un’ambientazione futuristica che strizza l’occhio ai classici della fantascienza.

TRANSUMANISMO, DARWINISMO E RELIGIONE

Come già nel primo Deus Ex (rilasciato nel 2000), anche in Human Revolution la trama fatta di intrighi tra mega-corporazioni ricopre un ruolo primario, ma fortunatamente quest’ultimo videogame è in realtà un prequel che non richiede di aver giocato anche i precedenti episodi per essere apprezzato al meglio.
Verremo catapultati nel futuro immaginato da Eidos (lo sviluppatore del gioco), in un mondo dove gli esseri umani hanno la facoltà (soldi permettendo) di potenziare il proprio corpo con innesti cibernetici. Il pianeta sembra così alla mercé delle industrie cyber-farmaceutiche che, oltre a farsi concorrenza, cercano di convincere i governi che questi particolari innesti fanno parte dell’evoluzione umana. Esiste però un fronte umanitario che si oppone fermamente per ragioni etiche e morali: i “potenziamenti” porterebbero in realtà alla rovina della specie essendo prerogativa solo dei benestanti, e andando contro la naturale evoluzione voluta da dio.
Nei panni di Adam Jensen, responsabile della sicurezza delle industrie Sarif, inizieremo con l’investigare su un attentato per poi arrivare a scoprire intricati complotti che metteranno costantemente in bilico la nostra fedeltà verso i nostri mandatari.

DUE APPROCCI DIFFERENTI
Come già anticipato Deux Ex: Human Revolution è fondamentalmente un titolo d’azione che però non manca di sconfinare nel mondo dei giochi di ruolo: oltre alla forte componente narrativa (con tanti personaggi con cui dialogare, mail, ebook e palmari da leggere) e i continui riferimenti a temi quali il diverbio tra progresso e religione, non mancano armi da potenziare e i canonici punti esperienza da acquisire portando a termine le missioni e da spendere per aggiungere innesti al nostro corpo.
Questi potenziamenti (vero marchio di fabbrica della serie Deus Ex) sono di diversi tipi, ma sostanzialmente si possono raggruppare in due macrogruppi: uno che andrà a migliorare le nostre capacità furtive e di persuasione, l’altro che incrementerà le doti fisiche e offensive del nostro corpo.
Infatti ogni missione (primaria o secondaria) offre sempre diverse soluzioni; in base ai propri gusti al giocatore spetta decidere se puntare su un approccio Stealth o da FPS. A dire il vero ci è sembrato che (soprattutto all’inizio) Human Revolution tenda a favorire la componente furtiva: alla fine (complice anche il design degli ambienti) ci è parso più appagante ingannare i nemici con l’aiuto dei vari innesti, dei sistemi di persuasione e di hacking, piuttosto che affrontarli a viso aperto. In queste fasi infatti l’intelligenza artificiale non sembra particolarmente convincente ed inoltre sporadicamente si ha l’impressione che i nostri colpi siano stranamente inefficaci (nemici senza armatura che non cadono neanche sparando a distanza ravvicinata con un fucile a pompa). Non particolarmente esaltanti gli scontri con i boss che, anche affrontando il gioco al livello di difficoltà maggiore, sono ostici se si utilizzano le armi convenzionali, ma diventano una passeggiata se si ricorre all’innesto Typhoon alla massima potenza.

BLADE RUNNER

Impossibile giocare a Deus Ex: Human Revolution e non pensare ai grandi classici della fantascienza cinematografica: anche se la paletta cromatica tende a preferire i toni del giallo, l’atmosfera che si respira ricorda opere come Blade Runner del 1982 (ispirato al romanzo Il Cacciatore di Androidi di Philip Dick). Insegne al neon, grattacieli sorvolati da autoveicoli volanti, i pezzi di carta straccia e le polveri sottili che attraversano i bassifondi, l’evocativa e futuristica Shangai con la sua città alta che (vista dai quartieri poveri) sembra quasi sospesa nell’aria, sono dettagli che impreziosiscono il comparto estetico nonostante la grafica non sia a livelli eccelsi.
Azzeccate e non particolarmente invasive le musiche, mentre il doppiaggio italiano non è particolarmente convincente in quanto spesso è asincrono rispetto ai volti dei personaggi.

Deus Ex: Human Revolution è uno di quei videogiochi che, oltre a voler divertire, cercano di lasciare un messaggio: cosa succederebbe se il genere umano fosse in grado di andare oltre il divino? Non mancano alcuni difetti nel gioco, ma un videogame può essere ricordato anche per altri meriti.

Share |

di Emanuele Cabrini

Deus Ex: Human Revolution Deus Ex: Human Revolution Deus Ex: Human Revolution Deus Ex: Human Revolution Deus Ex: Human Revolution Deus Ex: Human Revolution Deus Ex: Human Revolution Deus Ex: Human Revolution

Trailer Deus Ex: Human Revolution

L'impressionante teconologia del futuro.

L'uomo dietro al videogame

Deus Ex: Human Revolution

Jean Francois Dugas è il director che ha guidato il team di sviluppo di Human Revolution. Non essendo il creatore della serie, Dugas ha confessato di aver avuto non pochi timori prima di decidersi a prendere in mano le redini di una IP importante come Deus Ex.

Medaglie

Medaglia Consigliato da GameSearch.it

Consigliato da GameSearch.it

Deus-Ex: Human Revolution è un vero evergreen per gli amanti della fantascienza e dei videogiochi. Un ottimo connubio di meccaniche stealth e fps.

Medaglia Pensatore

Pensatore

Human Revolution catapulta il giocatore in mondo futuristico (ispirato ai classici della fantascienza) diviso tra progressisti e conservatori. Il gioco spinge continuamente a riflettere sul contrasto tra progresso scientifico e religione.

GameSearch.it per i genitori

PEGI 18 PEGI Linguaggio scurrile - Gioco che contiene espressioni volgari PEGI Violenza - Gioco che contiene scene di violenza

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.