Credono
nella nostra mission:

Gears Of War 2

Dato il successo di Gears of War, Epic Game non poteva certamente esimersi dal pubblicare un secondo capitolo. La trama di Gears of War non era certamente il punto forte dell’opera. Vediamo se in Gears of War 2 gli sviluppatori sono riusciti ad approfondire lo storyline.

TREMORS HA FATTO STORIA
Dopo la sconfitta, le locuste si sono tutt'altro che arrese, e sotto il comando della loro Regina, si apprestano a mettere in piedi un piano diabolico: far sprofondare Jacinto, ultimo baluardo delle difese umane.
Continuando a scavare la terra dal suo interno, le Locuste sbaragliano pian piano tutti gli avamposti degli umani facendoli precipitare in un enorme cimitero sotterraneo di terrore.
Marcus Fenix, elevato ad eroe popolare, prepara le nuove reclute alla guerra e a difendere gli ultimi baluardi del genere umano.  Dopo l’ennesimo attacco inizia insieme alla sua squadra a cercare un modo per fermare definitivamente l’opera distruttiva delle Locuste.

NUOVE COPERTURE
Il vero punto di forza del primo Gears of War era il sistema di coperture che permetteva nuove vette di gameplay. In questo secondo episodio Epic Games ha pensato bene di introdurre alcune migliorie per rendere il gioco ancora più vario.
La prima consiste nella possibilità di utilizzare i corpi delle locuste cadute in battaglia come veri e propri scudi di carne. Ovviamente questo riparo avrà una difesa limitata, andando letteralmente a pezzi dopo una piccola serie di colpi.
Potremo inoltre afferrare anche gli scudi di metallo che i nostri nemici utilizzano per difendersi dal crivellamento perpetuato dalle nostre armi.
Altra aggiunta è la possibilità di trascinarci a carponi mentre siamo moribondi, in modo di poterci avvicinare ai compagni di squadra e risanare della nostra energia.

APPROFONDIAMO
Per sopperire alla debole trama del primo episodio,  in questo Gears of War 2 si offre molto più spazio ai dialoghi e agli eventi. Oltre a tutte le cut-scene ben realizzate, troveremo, in giro per i livelli, alcuni documenti tra cui lettere o rapporti che potremo consultare in ogni momento. Lo storyline, pur non essendo comunque un capolavoro, viene così impreziosito da una serie di particolari non necessari, ma comunque funzionali per rendere la vicenda un po’ più interessante.

MULTIPLAYER E’ BELLO
Altro fiore all’occhiello della saga di Gears of War è il multiplayer, ottimamente realizzato e sempre adeguato al gran numero di utenti. In questo secondo capitolo, le sezione online si arricchisce con alcune modalità aggiuntive tra cui “Horde” (in cui un gruppo di cinque combattenti deve affrontare 50 ondate di locuste sempre più crudeli), e “Metaflag”, una sorta di “cattura la bandiera.”
Un migliore bilanciamento tra Host e Ospite, oltre che all’elevato numero di partecipanti in un match (ora fino a dieci), contribuiscono ad elevare qualitativamente la nuova modalità online.

Sebbene non sia un grande sbalzo qualitativo rispetto al primo episodio, Gears of War 2 riesce a farsi notare supportato dalle meccaniche migliorate e, finalmente, da una storia più approfondita.
Esistono sicuramente margini di miglioramento, ma questo titolo conferma  che chiunque sia alla ricerca di un videogioco ben realizzato, divertente ed immediato, può far affidamento sulla serie (non ancora conclusa) di Epic Games.

Share |

di Mirko Di Pasquale

Gears Of War 2 Gears Of War 2 Gears Of War 2 Gears Of War 2

GameSearch.it per i genitori

PEGI 18 PEGI Linguaggio scurrile - Gioco che contiene espressioni volgari PEGI Online Game PEGI Violenza - Gioco che contiene scene di violenza

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.