Credono
nella nostra mission:

Life is Strange

Medaglia Consigliato da GameSearch.it Medaglia Pensatore

Nel 2015 tutti gli appassionati di videogame quasi sicuramente avranno sentito nominare Life Is Strange, titolo sviluppato da Dontnod Entertainment che già si erano fatti conoscere con il loro primo gioco: Remember Me.
Prendendo spunto dalle serie tv, Life Is Strange è stato rilasciato in più episodi in digital download; sparsi lungo il 2015 i cinque racconti hanno saputo attirare l’attenzione di molti giocatori che hanno portato il titolo Dontnod ad essere eletto come una delle rivelazioni dell’anno.

UNA AVVENTURA SPECIALE
Questo meritato successo ci regala in questo inizio 2016 una versione fisica del gioco comprendente tutti gli episodi usciti (e quindi l’avventura completa) impreziositi anche dalla traduzione italiana non presente nella sua prima uscita.
Parlare di Life Is Strange non è però facile: raccontare qualcosa del gioco vorrebbe dire togliere al giocatore una parte dell’esperienza che rende quest’opera unica. Ogni singolo dettaglio dovrebbe essere vissuto e portato alla luce seduti davanti alla tv con il pad in mano e non leggendo le righe di un articolo.
Intendiamoci, ogni persona potrebbe vivere e interpretare Life Is Strange a suo modo, immedesimarsi in un personaggio o in un altro, riconoscersi in certe scelte, ballare sulle note delle sue canzoni o passare i minuti seduto a suonare la chitarra o a guardare le foglie cadere al tramonto: ed è questo che lo rende speciale.
Usciamo dagli schemi classici del videogioco, non vediamo noi stessi come un semplice fruitore di un prodotto, non controlliamo un personaggio nel video, noi lo interpretiamo, con le nostre scelte che diventano le sue e i suoi passi che diventano i nostri.
Come è facile perdersi tra le pagine di un libro, allo stesso modo sarà facile trovarci persi tra i fatti narrati da Life Is Strange; un capitolo dopo l’altro ci renderemo conto che non stiamo veramente giocando ma stiamo raccontando a noi stessi un’ avventura piena di mistero, di amicizia, di emozioni che spesso ci dimentichiamo e che, un semplice gioco, ci sta riconsegnando.

ACCADE ANCHE NELLA VITA REALE
“La vita è ciò che accade mentre sei occupato a fare altri progetti” è una delle numerose citazioni presenti nel gioco, una sorta di memento che sembra tracciare l’anima stessa del titolo: scelte, opzioni, strade da prendere e da evitare, il giusto, lo sbagliato. Come nella vita reale anche in Life is Strange non sapremo subito le immediate conseguenze di quello che facciamo ma saranno le nostre scelte a creare per noi un futuro che, una volta scritto, prenderà il nome di vita.
Cos’è quindi Life Is Strange? Come descriverlo se ne dovessimo parlare come se fosse un videogioco? Sarebbe l’avventura grafica di una volta, aggiornata per potersi presentare meglio nella generazione attuale, in cui controlleremo una appena diciottenne Max Caulfield che scopre di poter manipolare il tempo - riavvolgendolo - e di poter cambiare le sue decisioni e quelle delle persone che le sono vicino, sfruttando la conoscenza di causa ed effetto.
Con la sua macchina fotografica in mano, sempre pronta ad immortalare un istante, la nostra protagonista si ritroverà a vivere degli strani eventi che dovrà imparare a controllare nel migliore dei modi attraverso le scelte dettate dal percorso che deciderà di intraprendere.
Scelte vostre che diventeranno parte della vita di Max, scelte che si ripercuoteranno su eventi futuri, scelte apparentemente inutili e così piccole ma capaci di rivelarsi poi un’occasione per farvi riflettere su decisioni prese di istinto o piccole dimenticanze che potrebbero creare  rimpianti o nuove occasioni.

Concludiamo con l’assegnazione dei dovuti riconoscimenti che, come sapete, qui su GameSearch.it vengono espressi con le nostre medaglie. Life Is Strange è senza dubbio un gioco che porta a casa facilmente la medaglia Pensatore, offrendo nel corso dei suoi capitoli spunti per riflettere su più temi caldi proprio a causa degli avvenimenti che si verranno a creare in base alle scelte effettuate dalla protagonista (e quindi da noi).
Sfiora di poco la medaglia allena la mente, gli enigmi non sono così complicati e risultano quasi naturali, non è di certo un difetto ma una caratteristica dettata dallo stile del gioco. Infine ci sentiamo di dare la medaglia Consigliato da GameSearch.it perchè sicuramente il lavoro di Dontnod Entertainment merita di essere giocato e dovrebbe essere giocato e vissuto da qualunque persona amante non solo di videogiochi ma anche di narrazione, di film, di musica, di fotografia, di libri.

Share |

di Filippo Scaboro

Life is Strange Life is Strange Life is Strange Life is Strange Life is Strange Life is Strange Life is Strange Life is Strange

Life is Strange - Trailer

Un video che ci presenta Max e la sua vita da adolescente.

Gli uomini dietro al videogame

Life is Strange

Raol Barbet e Michael Koch in qualità di game directors di Life is Strange hanno trasformato in gioco una storia scritta inizialmente dal francese Jean-Luc Cano. Il loro lavoro è stato apprezzato da pubblico e critica tanto che Life is Strange viene ricordato come una delle migliore offerte videoludiche del 2015.

Medaglie

Medaglia Consigliato da GameSearch.it

Consigliato da GameSearch.it

Life is Strange è particolarmente consigliato a chi apprezza i videogame meno votati all'azione e più focalizzati sulla narrazione e l'emotività.

Medaglia Pensatore

Pensatore

Le scelte che si devono compiere nel gioco sono uno specchio di quelle che un adolescente può compiere nella vita reale. In Life is Strange si affrontano inoltre temi come il bullismo e l'uso di stupefacenti.

GameSearch.it per i genitori

PEGI 16 PEGI Droghe - Gioco che fa riferimento a o rappresenta l'uso di droghe PEGI Linguaggio scurrile - Gioco che contiene espressioni volgari PEGI Violenza - Gioco che contiene scene di violenza

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.