Credono
nella nostra mission:

The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited

Non è mai facile iniziare a parlare dei giochi della serie di Elder Scrolls, in questo caso meno del solito visto che si tratta, per la prima volta, di un titolo totalmente online.
Se nelle passate incarnazioni i vasti mondi e le possibilità che potevamo incontrare durante il nostro cammino erano pressochè infinite, in questo caso dobbiamo moltiplicare il tutto e aspettarci qualsiasi imprevisto vista la presenza di giocatori di altre fazioni pronti a sfidarci, oltre che ad accompagnarci in numerose missioni.

UN PO’ DI FAMILIARITA’
Da subito chi ha giocato i precedenti episodi si sentirà a casa con il più classico degli incipit in stile Elder Scrolls: la fuga dalla prigione è il pretesto per farci giocare un tutorial introduttivo che andrà a illustrarci le abilità e le possibilità offerte dal nostro personaggio appena creato.
Il rituale della creazione dello stesso è, come sempre, dotato di incredibili possibilità e possiamo modificare ogni singolo aspetto del volto e del corpo di quello che sarà il nostro eroe o eroina: i più meticolosi (da qui la definizione di rituale) passeranno diverso tempo a sperimentare ogni aspetto della razza scelta. Elder Scrolls online offre inoltre ben tre differenti Alleanze tra cui scegliere, ciascuna delle quali rende disponibile diverse razze (Orchi, Redguard, Elfi, Bretoni, Khajiit e altri).

L’ ESPLORAZIONE E’ LA CHIAVE
Sicuri che il rituale di creazione del personaggio non deluderà e porterà via diversi minuti, forse anche ore per i più esigenti, eccoci pronti ad entrare nelle terre di Tamriel per affrontare questa nuova avventura. 
Nella linea temporale, Elder Scrolls Online si va a collocare prima degli eventi narrati nelle altre incarnazioni della serie uscite fino ad ora (2015). La splendida introduzione animata e la prima parte del gioco ci forniscono una sorta di background facendoci lentamente entrare in un vasto mondo che ci viene fatto conoscere progressivamente attraverso missioni sempre più complesse e lunghe.
Una volta iniziato il nostro cammino è qui che il dipanarsi della trama e del mondo di Tamriel ci va a svelare quella che è la vera essenza di Elder Scrolls Online. Un mondo immenso, ricco di cose da fare e zone da esplorare, una esperienza di gioco che tiene testa ai capitoli precedenti ampliandone le possibilità, offrendoci di poter affrontare il gioco insieme ad altri compagni. Sebbene sia richiesta una connessione online (ma, lo precisiamo, non il pagamento di un abbonamento mensile) il gioco non offre un vero e proprio incentivo alla collaborazione tra giocatori: sebbene alcune zone siano accessibili solo in party la stragrande maggioranza delle missioni sono affrontabili singolarmente con le proprie forze e abilità, fattore che di fatto rende questo gioco molto simile, come gameplay, ai precedenti Elder Scrolls. 
L’esplorazione e la scoperta di aree sempre diverse è tuttavia il punto forte del titolo. L’enorme mappa e il fatto che le zone importanti e le missioni non siano visibili se non quando saremo nelle loro vicinanze, è un aspetto che aumenta a dismisura la nostra voglia di esplorare ogni angolo di mondo senza usare i più rapidi teletrasporti. Spesso ci capiterà di perderci in paesaggi capaci di lasciarci a bocca aperta, magari davanti ad un tramonto accompagnati dalle note della splendida colonna sonora.

LA PARTE ONLINE
The Elder Scolls Online offre tutto quello che di buono trovavamo nei titoli precedenti, lo amplifica e aggiunge una debole parte online che non è veramente così indispensabile per il racconto quanto però lo è nella zona di Cyrodiil, luogo in cui occorre recarsi per affrontare le diverse alleanze in duelli PVP e dare un senso alla parte Online del gioco (almeno una volta raggiunto un livello tale da poterci permettere il combattimento contro altri avversari umani e la possibilità di eseguire il “crafting”, ovvero il combinare gli oggetti raccolti per dare forma a qualcosa di unico e che, si spera, possa essere d’aiuto per la missione).
Il vero punto di forza di Elder Scrolls Online ribadiamo essere l’esplorazione e la capacità di farci vivere in un mondo così ricco e ben delineato, impreziosito dalle migliaia di giocatori che andremo ad incontrare nel corso della nostra missione nel mondo di Tamriel.

NEGOZIO VIRTUALE
Come detto non è richiesto un abbonamento mensile o annuale per poter giocare al MMORPG di Bethesda: una volta acquistato il gioco siamo liberi di andare a vivere le nostre avventure a Tamriel senza problemi. È comunque presente all’ interno del menu una sorta di negozio virtuale in cui è possibile acquistare espansioni, animali da compagnia, armi e armature. La moneta utilizzata in questo caso sono le Corone che andranno pre-acquistate in cambio di denaro reale.

SOLO IN INGLESE
Ci sentiamo infine in dovere di segnalare un fattore che potrebbe essere il motivo che fa pendere l’ago della bilancia verso l’acquisto o meno del gioco: in Elder Scrolls Online non è disponibile il doppiaggio né tantomeno i sottotitoli o i testi in italiano, fattore che rende il gioco poco fruibile a chi non conosce abbastanza bene la lingua inglese. Purtroppo il linguaggio utilizzato e l’enorme mole di testo e dialoghi non sempre si rivelano di facile comprensione.

Nella speranza che un aggiornamento possa aggiungere la lingua italiana al gioco, possiamo comunque consigliare di vivere le storie che Tamriel ha da raccontare a chi ama gli universi fantasy virtuali, sicuri che sarà piacevole perdersi tra le sue terre.

Share |

di Filippo Scaboro

The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited The Elder Scrolls Online: Tamriel Unlimited

The Elder Scrolls Trailer

Uno sguardo ai paesaggi e alle creature di The Elder Scrolls Online.

GameSearch.it per i genitori

PEGI 18 PEGI Online Game PEGI Violenza - Gioco che contiene scene di violenza

Per avere maggiori informazioni sul Pegi, per ricevere consigli che ti aiutino a scegliere il videogioco più adatto per i tuoi figli consulta la sezione GameSearch.it per i genitori.